FSAmbiente di Fabiana Crivaglia – P.IVA 03710310131

verifica-periodica-messa-a-terra-fsambiente

La verifica periodica dell’impianto di messa a terra

Cosa è l’impianto di messa a terra

L’impianto di messa a terra è un sistema di sicurezza dell’impianto elettrico che interviene in caso di imprevisti o guasti durante il funzionamento, e garantisce la sicurezza di abitazioni, condomini, edifici pubblici e luoghi di lavoro.

Esso è costituito da:

  • conduttori di protezione, cioè i fili giallo-verdi,
  • dispersori, normalmente dei picchetti piantati in apposite pozzette.
  • uno o più interruttori differenziali, comunemente detti salvavita

Questi tre elementi garantiscono la protezione di ogni persona dal rischio di folgoramento. Infatti, in caso di guasto o di malfunzionamento dell’impianto elettrico, i conduttori convogliano la corrente ai dispersori e l’interruttore differenziale stacca immediatamente la corrente.

La verifica periodica obbligatoria dell’impianto di messa a terra

La verifica dell’efficienza e perfetto funzionamento di tutti gli elementi che compongono l’impianto di messa a terra, è un obbligo di legge sancito dal DPR 462/2001, che stabilisce:

  • i soggetti obbligati a far verificare i propri impianti di messa a terra
  • le caratteristiche e periodicità della verifica;
  • gli organismi abilitati ad effettuare la verifica

Infatti questa verifica non va confusa con la normale manutenzione periodica degli impianti elettrici, che invece può essere eseguita da qualunque professionista o impresa installatrice.

Soggetti obbligati

Hanno l’obbligo di far verificare il proprio impianto di messa a terra i titolari di tutte le attività ed organizzazioni pubbliche o private che abbiano almeno un lavoratore, apprendista o stagista al loro interno. Sono esclusi solo i collaboratori domestici e le imprese a gestione familiare.

Inoltre, l’obbligo di verifica si estende agli amministratori dei condomini, ai parroci di chiese ed oratori, ai dirigenti scolastici di istituti pubblici e privati ed al sindaco per i circoli ricreativi comunali.

Periodicità e caratteristiche della verifica dell’impianto di messa a terra

La verifica dell’impianto di messa a terra ha una validità quinquennale.

Fanno eccezione alcune attività per le quali è prevista una periodicità biennale:

  • gli ambienti a maggior rischio in caso d’incendio soggetti al controllo dei Vigili del fuoco secondo il DPR 151/2011,

Leggi anche: Obbligatorietà del CPI (Certificato di Protezione Incendi)

  • i locali ad uso medico o veterinario,
  • le attività di cura della persona (centri estetici, parrucchieri, etc.),
  • i cantieri edili,
  • gli ambienti in cui vengono conservate o lavorate sostanze esplosive.

La verifica dell’impianto di messa a terra è una procedura ufficiale che, oltre ad un controllo strumentale del perfetto funzionamento di tutti gli elementi dell’impianto, riguarda la regolarità della documentazione e prevede il rilascio di un verbale ed un certificato di verifica.

Organismi abilitati ad effettuare la verifica dell’impianto di messa a terra

La verifica periodica dell’impianto di messa a terra può essere eseguita esclusivamente da organismi ispettivi che abbiano ottenuto l’abilitazione dal Ministero delle Attività Produttive, oppure dall’ASL o dall’ARPA.

Il DPR 462/01 stabilisce inoltre che l’ISPESL possa effettuare a campione verifiche sulla conformità degli impianti di messa a terra. Eventuali irregolarità, inadempienze o violazioni accertate possono comportare sanzioni amministrative fino a € 4.131.66 e l’arresto da 3 a 6 mesi.


La verifica periodica dell’impianto di messa a terra è parte integrante di una corretta prassi aziendale, ed un obbligo normativo inderogabile.

VUOI SAPERE COME AFFRONTARE AL MEGLIO
LA VERIFICA DELL’IMPIANTO DI MESSA A TERRA
NELLA TUA ATTIVITÀ?

PRENOTA LA TUA PRIMA CONSULENZA GRATUITA
CHIAMA ORA IL 349/2940511
O CLICCA QUI PER CONTATTARCI SU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.